Search Console di Google: il nuovo Google webmaster tool

Una breve guida al nuovo Google webmaster tool: Search Console di Google

Oramai 5 anni fa, 20 Maggio 2015, Google ha mandato in pensione il suo famosissimo Webmaster Tool, sostituendolo con una sua nuova versione chiamata Google Search Console.

L’URL che rimanda al servizio è il seguente: https://search.google.com/ e, oltre a questo, di cambiamenti, rispetto al Google Webmaster Tool non ce ne sono stati molti nel periodo immediatamente successivo al lancio di Search Console. Tuttavia, da allora sono oramai passati 5 anni e Google ci ha abituati ai suoi frequenti aggiornamenti che, come puoi già immaginare, non hanno di certo risparmiato Search Console.

Google nel corso del tempo ha ribadito più volte che l’obiettivo di questa evoluzione del Webmaster Tools, ovvero di Search Console  è quello di rivolgersi “a tutti coloro che hanno a cuore la Search”, e anche di sperare che Search Console venga utilizzato per “migliorare la visibilità dei contenuti nel motore di ricerca”.

In effetti fin da subito è stato chiaro che Google Search Console sia uno strumento pensato appositamente per i SEO!

Di conseguenza se sei un SEO o comunque hai a che fare con il web dovresti sapere cosa è Google Search Console ed a cosa serve la nuova versione di Google Webmaster Tools.

Qui di seguito approfondirò le funzionalità del nuovo Google Webmaster Tool cercando di fornire anche spunti pratici e semplici al suo utilizzo. Ma partiamo dall’inizio.

Cosa è Google Search Console ovvero il nuovo Google Webmaster Tool?

Google Search Console, o per i nostalgici Google Webmaster Tool, non è altro che un servizio gratuito capace di offrire la possibilità di gestire la presenza del proprio sito tra i risultati della ricerca di Google e di risolvere ogni eventuale problema.

Si tratta di un sistema molto utile rivolto a tutti i possessori di un sito web sia che siano principianti od utenti esperti. Questo servizio risulta ideale per i proprietari di attività commerciali, amministratori di siti che intendono migliorare il posizionamento seo ma soprattutto il funzionamento del sito web con adeguate operazioni di manutenzione e correzione di errori o malware, professionisti di marketing e sviluppatori web.

In sostanza Search Console Google è in grado di fornire un resoconto chiaro e completo di quello che funziona e di ogni aspetto sul quale è necessario intervenire per migliorare la visibilità del sito web in questione.

Quando sussistono vari problemi che riguardano più pagine di un sito il sistema prevede anche l’invio di email di allarme in modo che il suo proprietario possa avere un’idea delle criticità anche senza disporre di particolari capacità tecniche.

Google webmaster tool - Search console

Perché è importante?

Saper leggere i dati che questo strumento ci offre può essere una delle attività più proficue la strategia SEO e farlo con periodicità ci permette di avere sempre un controllo del sito offrendoci sia spunti per imbastire nuove attività/strategie/contenuti sia evidenziandoci problemi o anomalie che potrebbero avere un impatto negativo sul posizionamento.

Il nuovo Google Webmaster Tool infatti, ha l’innegabile vantaggio di riunire, in un unico tool, singoli strumenti dalle funzionalità più variegate permettendo di intervenire immediatamente e in maniera mirata in caso di problemi.

I vantaggi di utilizzare Google Search Console sono quindi sostanzialmente due:

  1. Il nuovo Google Webmaster Tool è uno strumento fornito direttamente dal motore di ricerca su cui vogliamo posizionare il sito. Quindi è lo stesso Google a indicarci dove sbagliamo o dove abbiamo problemi e questo è ovviamente un enorme vantaggio.
  2. Se lavoriamo su tanti siti, possiamo analizzare le segnalazioni o indicazioni che Google ci invia tramite questo nuovo strumento. Analisi che possiamo sfruttare per e imparare sempre qualcosa in più di come Google ragiona per posizionare un sito web.

Cosa posso fare con Google Search Console?

Grazie alla Search Console di Google si possono compiere una miriade di operazioni utilissime al corretto funzionamento e posizionamento del tuo sito web. Per esempio:

  • si può verificare l’esistenza del sito nei motori di ricerca ed eseguire la scansione,
  • risolvere eventuali problemi di indicizzazione quindi capire se il motore di ricerca riesce ad accedere senza errori alle pagine del sito internet,
  • stabilire la frequenza di visualizzazione del sito,
  • mostrare tutti i siti che rimandano tramite Link al proprio sito web,
  • verificare la corretta visualizzazione del sito web da dispositivi mobile,
  • verificare la velocità di download delle pagine del proprio sito web.

Quali sono le funzioni principali di Google Search Console?

Google Search Console, ha ereditato alcune delle funzioni base del vecchio Google Webmaster Tool. Analizziamo qui di seguito brevemente le funzioni principali, ovvero quelle che ti troverai ad utilizzare più spesso, della nuova Google Search Console:

  • Sitemap
  • Rendimento
  • Copertura
  • Controllo URL
  • Usabilità sui Dispositivi Mobili
  • AMP
  • Link

Sitemap

Una delle principali funzioni consiste nella possibilità di inviare alla Search Console la Sitemap del nostro sito web.

Attraverso questa funzione è possibile segnalare a Google, attraverso l’invio di un file apposito, il modo in cui è strutturato il proprio sito offrendo al motore di ricerca un valido orientamento per l’attività di indicizzazione.

Invio della Sitemap - Google Webmaster Tool o Google Search Console

Rendimento

Un’altra funzione molto importante consente di valutare le prestazioni attraverso un apposito grafico che fornisce informazioni sui clic totali e sulle impressioni complessive ossia di tutte le volte in cui la pagina web è comparsa come risultato di ricerca. Le prestazioni possono essere filtrate in vari modi e permettono di conoscere nel dettaglio i punti sui quali intervenire per rafforzare la propria presenza.

Questa è una delle aree che consulteremo di più e che nella nuova veste dell‘ex Google Webmaster Tool ed è diventata ancora più utile per capire su quali contenuti o parole chiave il sito genera traffico, dove invece lo perde etc.

In particolare, nella sezione “Rendimento” di Google Search Console, abbiamo la possibilità di analizzare questi 4 fattori:

  1. Click – tutti i click (leggasi traffico verso il sito) che sono stati effettuati in un determinato arco di tempo;
  2. Impressions – tutte le “occasioni” in cui il nostro sito era uno dei risultati della ricerca fatta dall’utente.  individuando quali pagine vengono proposte come risultato di ricerca ma che non generano click potremo poi capire cosa non va e quindi intervenire sui fattori in gioco, ovvero quelli visibili in SERP come risultato ma anche on-page.
  3. CTR – il rapporto tra Impressions e Click;
  4. Posizione Media – Indica la posizione media calcolata su tutte le parole chiave che Google ha indicizzato. Durante un’attività SEO le parole chiave indicizzate da Google possono aumentare, pertanto si potrebbe verificare una diminuzione della posizione media.

Ad esempio è possibile verificare per quale query sia visualizzata una determinata pagina in serp, e quanti clic ha ricevuto. In questo modo puoi modificare il testo della pagina in questione, oppure il meta title o meta description, in modo che contenga la query di ricerca se pensi che possa essere in linea con le intenzioni di ricerca del contenuto di quella specifica pagina web.

rendimento: le prestazioni di un sito web in search console

rendimento: le prestazioni di un sito web in search console

Verifica della copertura

Con Google Search Console si può verificare anche la copertura grazie ad una pratica suddivisione delle pagine del sito distinte in valide ossia indicizzate in maniera corretta, valide con avvisi ossia indicizzate da Google ma che presentano alcune problematiche, pagine escluse in quanto non indicizzate e pagine in errore.

Copertura in Google webmaster tool - Google Search Console

Controllo URL

In Google Webmaster Tool si chiamava “Visualizza come Google” ed era un MUST per chiunque si occupasse di SEO o gestisse un sito. Con la funzione relativa al controllo URL si possono fare dei test su pagine specifiche prendendo in considerazione l’indicizzazione e l’usabilità sui dispositivi mobili e AMP.

Usabilità sui Dispositivi Mobili

Grazie a questa funzione la nuova Search Console ci permette di conoscere quanto il nostro sito supporta le linee guida per le versioni mobile. Questa area quindi contiene informazioni su quanto sono soddisfatti i requisiti per l’usabilità da mobile di ciascuno degli url indicizzati e ci fornisce dettagli per ciascuno di essi.

usabilità dispositivi mobili - Google Search Console

AMP

AMP3 sta per Accelerated Mobile Pages ed è il formato che da qualche tempo Google invita ad adottare per le versioni mobile dei nostri siti. Si tratta di una versione molto minimale delle pagine Web che viene salvata direttamente sui Server di Google e risulta molto più veloce da caricare.

Link

Nella SEO si afferma sempre che i fattori in gioco per il buon posizionamento di un sito web sono oltre 200. Tra tutti questi fattori i link interni ed esterni (backlinks) restano una delle componenti più importanti. Per tale motivo nella Search Console  i link hanno sempre avuto un’area dedicata dove poter analizzare quali pagine ricevono più link, come sono distribuiti i link interni e, soprattutto, chi e come ci linka e su quali anchor text.

L’analisi dei Backlink è un’attività che consigliamo di effettuare periodicamente (almeno 1 volta al mese) perché ci permette di scoprire se il nostro sito è vittima di attacchi di link spam o similari che potrebbero impattare negativamente sul nostro lavoro di posizionamento SEO.

Link esterni ed interni di un sito web su Google Search Console

Link esterni ed interni di un sito web su Google Search Console

Conclusioni sul nuovo Google Webmaster Tools

Il sistema Search Console Google, il vecchio Google Webmaster Tools, è uno strumento aggiornato di continuo in modo tale da incrementare la sua utilità sia verso i proprietari di siti internet che nei confronti dei gestori tecnici.

Grazie a questo strumento è stato possibile facilitare il monitoraggio, la gestione e il controllo dei siti web oltre a migliorarne ogni aspetto tecnico e di visibilità, per questo motivo si è rivelato uno degli strumenti più utilizzati e ricercati tra professionisti e meno esperti.

Se ne vuoi sapere di più su di me, l’autore di questo articolo scopri chi sono e non esitare a contattarmi!

Commenta Qui sotto

commenti